Blocco Petrolifero – Autogol dell’Europa?

A dicembre entrerà in vigore un blocco petrolifero europeo sulla maggior parte delle importazioni di petrolio dalla Russia.

I leader dell’UE avranno quindi il compito di trovare nuove fonti di petrolio greggio in vista di un inverno gelido e oscuro.

Come detto da Ursula Von Der Leyen, la decisione dei Paesi dell’UE di sanzionare all’infinito la Russia interrompendo le importazioni di greggio entro la fine dell’anno è un tentativo di “far pagare al Cremlino” l’invasione.


In verità, tutto ciò non ha fatto altro che ritorcersi contro l’Europa.

Il “bottino di guerra” del Cremlino si è gonfiato di decine di miliardi di dollari, poiché il blocco petrolifero e del gas hanno fatto decollare i prezzi dell’energia nella stratosfera e ci sono nuovi acquirenti in Asia.

I leader dell’UE stanno facendo uno sforzo sovrumano per sostituire le importazioni di materie prime energetiche russe con altri Paesi ricchi di energia.

In realtà, è parecchio difficile che riescano nel loro intento.

Come dichiarato dalla Abu Dhabi Commercial Bank, gli stati del Golfo, Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita, e gli Emirati Arabi non saranno in grado di aumentare la produzione per sostituire il petrolio russo in Europa.

Infatti, i tagli di produzione dell’OPEC+ potrebbero infliggere ulteriore dolore ai consumatori Europei.

E ora arriva il bello.

Alla domanda dove si rifornirà l’Europa quest’inverno dopo il blocco petrolifero, la Commercial Bank ha così detto:

“I prezzi del petrolio sono così alti proprio perché a questa domanda nessuno sa rispondere”

leader dell’UE troveranno difficile procurarsi greggio in tutto il mondo perché la produzione non può essere aumentata rapidamente.

Anche l’amministratore delegato di RBC Capital Markets ha avvertito del dramma in arrivo dichiarando:

“Penso che stiamo affrontando la peggiore crisi energetica degli ultimi decenni”.

La sicurezza energetica dell’Europa è messa a repentaglio mentre l’inverno si avvicina.

Il problema della capacità globale limitata e dei costi energetici più elevati manderà l’Europa in crisi, non ci sono dubbi.

Questo inverno ci sono concreti rischi di blackout in tutta Europa a causa della diminuzione delle forniture dalla Russia e dell’impossibilità di aumentare le importazioni in tempi brevi.

Siamo agli albori di un nuovo super ciclo del petrolio e nei prossimi anni vedremo l’oro nero raggiungere numeri che ora sembrano fantascienza.

Negli ultimi mesi infatti, 2 delle società presenti nel Canale Premium hanno messo a segno plusvalenze assurde.

Una di queste si è addirittura permessa di pagare un dividendo del 35%, una cifra pari a 3 volte la media dell’S&P500 degli ultimi anni.

Solo con un dividendo.

Siamo all’interno di un periodo storico in cui investire perché “tanto i mercati vanno sempre su” non è più una strategia vincente.

Oggi l’unica strategia funzionante è quella adottata da fuoriclasse come Ray Dalio e Warren Buffett, e seguita religiosamente dal nostro Team di Analisti.

Una strategia diametralmente opposta alla diversificazione:

La focalizzazione, cioè scegliere pochi titoli che cresceranno approfittando del periodo difficile.

  • In ogni miniera d’oro, c’è chi scava e chi vende picconi;
  • In ogni crisi, c’è sempre chi piange e chi vende fazzoletti.

I venditori di picconi e fazzoletti sono le aziende su cui investire per proteggere il tuo capitale e moltiplicarlo nel lungo periodo.

Sono proprio questo tipo di aziende che analizziamo e condividiamo all’interno dei nostri Canali.

Non a caso, dalla sua fondazione nel marzo 2021 il Canale Premium ha totalizzato un +40.24% e il Canale Silver dopo soli 2 mesi dalla sua apertura è già in doppia cifra percentuale.

La focalizzazione è ciò che separerà gli investitori ricchi dai “perdenti” per i prossimi decenni.

Mi raccomando, seguici e non perderti tutte le informazioni che condivideremo qui e nei nostri Canali.

A presto,

Andrea

Stock Gain
Il punto di riferimento per migliaia di investitori in tutto il mondo

Articoli popolari

Ultimi articoli