Obbligazioni: perché stanno crollando?

Molti investitori sono sconcertati dall’aumento dei rendimenti delle obbligazioni. 

Infatti l’attività economica sta rallentando, le aspettative di inflazione stanno diminuendo, la Fed sta combattendo in modo aggressivo l’inflazione e il QT è iniziato. 

In passato questi fattori erano una ricetta infallibile per un ruggente rialzo delle obbligazioni. 

Oggi i rendimenti obbligazionari stanno sfidando la logica di ieri, ma c’è ben altro in gioco.

Attività economica

In primo luogo, l’attività economica si correla bene con i rendimenti obbligazionari per un paio di ragioni. 

Quando l’economia rallenta l’inflazione tende a indebolirsi e i rendimenti obbligazionari diventano più attraenti. 

In secondo luogo, in periodi di debolezza e incertezza, gli investitori spesso riducono l’esposizione ad attività rischiose a favore di quelle più prudenti, come i buoni del Tesoro.

Il grafico seguente mostra la relazione tra l’ISM Manufacturing Index, un forte indicatore dell’attività economica, e i rendimenti UST a dieci anni. 

Prima del 2022 la correlazione positiva era forte. 

Tuttavia quest’anno la correlazione si è invertita. 

I rendimenti degli UST stanno aumentando nonostante i dati ISM più deboli.

obbligazioni ISM manufacturing

Prima del 2022, un ISM più elevato si traduceva generalmente in rendimenti più elevati. 

Nel 2022, dati ISM più deboli si accompagnano a rendimenti obbligazionari più elevati.

Aspettative di inflazione

La maggior parte degli investitori obbligazionari cerca un rendimento superiore all’inflazione. 

In caso contrario, stanno effettivamente perdendo potere d’acquisto nonostante le performance siano magari positive.

Alla luce di questo ragionamento, aspettative di inflazione più elevate dovrebbero indurre gli investitori a chiedere rendimenti più elevati.

Quest’anno però qualcosa non va.

Le aspettative di inflazione a dieci anni sono aumentate minimamente mentre i rendimenti a 10 anni sono decollati.

Domanda e offerta

Alcuni investitori ritengono che le pesanti emissioni di titoli del Tesoro stiano fornendo un’offerta eccessiva al mercato obbligazionario portando a rendimenti più elevati.

La realtà è che le emissioni del Tesoro al netto degli acquisti o delle vendite della Fed stanno crescendo a un tasso di poco inferiore alla media. 

Storicamente, più emissioni di debito spesso accompagnano rendimenti obbligazionari più bassi. 

Sebbene controintuitivo, il Tesoro tende ad aumentare il suo carico di debito quando l’economia va in difficoltà.

Come notato in precedenza, la debole crescita economica e la minore inflazione spesso si traducono in rendimenti obbligazionari inferiori.

Contrariamente al passato, l’emissione di debito è relativamente bassa quest’anno, ma la correlazione tra offerta netta e rendimenti è l’opposto di ciò a cui gli investitori si sono abituati.

obbligazioni domanda e offerta

Quantitative Tightening (QT)

I rendimenti obbligazionari tendono ad aumentare quando la Fed acquista obbligazioni (QE) e scendono quando è inattiva o riduce le sue partecipazioni (QT).

C’è una solida logica dietro questa relazione apparentemente irrazionale. 

Quando la Fed acquista obbligazioni, fornisce liquidità ai mercati. 

In quanto tali, i mercati azionari tendono a crescere e così facendo attraggono investitori obbligazionari. 

Quando la Fed vende obbligazioni (QT), rimuove liquidità. 

Nel tempo questo porta alla volatilità delle azioni e spinge gli investitori alla sicurezza di attività a bassa volatilità come le obbligazioni.

Il grafico sottostante mostra che i rendimenti obbligazionari spesso aumentano durante il QE e scendono durante il QT o quando la Fed è inattiva.

A differenza del precedente episodio di QT o dei periodi in cui la Fed non faceva nulla, i rendimenti obbligazionari sono in aumento.

obbligazioni fed's balance

UNA DELLE POSSIBILI CAUSE

Quando lo scorso anno il nostro Team avvertì del crollo dell’euro, dello yen e del collasso obbligazionario globale, stavamo suggerendo varie correlazioni tra questi.

Infatti, l’euro ha perso il 12% rispetto al dollaro USA quest’anno, mentre lo yen giapponese quasi il 20%. 

Tali perdite potrebbero non sembrare fuori dall’ordinario rispetto alle azioni o addirittura alle obbligazioni, ma lo sono. 

I mercati valutari tendono ad essere molto meno volatili. 

Una valuta debole rispetto al dollaro è spesso positiva per un paese in quanto rende le sue esportazioni più competitive in termini di prezzi. 

Tuttavia, una valuta più debole rende le importazioni più costose e causa un’inflazione più elevata.

L’Europa sta facendo tutto il possibile per risolvere la sua crisi energetica, ma le sue opzioni sono limitate.

Sebbene sia difficile alleviare i problemi di approvvigionamento, si possono ridurre i costi con una valuta più forte.

I nostri analisti sospettano che la BCE e la BOJ abbiano venduto asset in dollari, principalmente buoni del Tesoro, per cercare sostenere le loro valute.

Il grafico sottostante mostra la forte correlazione negativa tra i rendimenti UST decennali e l’Euro e lo Yen.

euro yen vs ust obbligazioni

Rendimenti delle obbligazioni: Conclusioni

Nonostante i rendimenti delle obbligazioni stiano aumentando, il nostro Team non ha preso posizioni in alcun titolo obbligazionario.

Piuttosto, stiamo approfittando della difficile situazione dei mercati per acquistare a sconto azioni di società ancora ignorate dalla maggior parte degli investitori. 

Naturalmente, non consigliamo a nessuno di fare lo stesso a meno che non abbia delle rocciose competenze derivate da anni di studi di settore

Investire in titoli “a caso” è estremamente pericoloso e può portarti a perdite enormi. 

Se non sai come muoverti, è meglio non muoverti proprio. 

L’inflazione è dolorosa e ti impoverisce di anno in anno, ma è meglio che bruciare l’intero capitale investendo a caso. 

Se invece vuoi preservare ed incrementare la tua ricchezza, i nostri Analisti condividono le loro operazioni sul mercato azionario in aziende small-cap all’interno del Canale Silver, assieme alle analisi dei singoli titoli. 

Si tratta di aziende dorate, passate al setaccio da un team di 20 analisti.

Ogni giorno depenniamo dalla lista decine di società che non avranno futuro sui mercati e aggiungiamo in Watchlist quelle interessanti. 

Se hai qualsiasi domanda sul Canale Silver, ti invito a contattare il team su Whatsapp.

A presto!

Andrea

Stockgain

Articoli popolari

Ultimi articoli